martedì 27 settembre 2011

Dimane nun esiste e 'o juorno primma, siccome se n'è gghiuto, manco esiste. Esiste sulamente stu mumento...


Adoro Eduardo De Filippo perché è un artista dalle mille facce.
È spietato e tenero, corrosivo e poetico, crudele e comprensivo, raffinato e semplice, ma soprattutto perché sa essere duro e paterno con il popolo napoletano.
Lo vedi, nei film e nelle commedie, che prende il bastone per colpire, ma poi si ferma e nasconde un sorriso d’amore dietro un ghigno.
Devo colmare le lacune dei suoi volumi di commedie. In questi giorni prenderò la Cantata dei giorni pari e col tempo i tre volumi delle Cantate dei giorni dispari.
Per ora, mi godo le sue poesie.

E allora bevo...

Dint' 'a butteglia
n'atu rito 'e vino
è rimasto...
Embè
che fa
m' 'o guardo?
M' 'o tengo mente
e dico:
"Me l'astipo
e dimane m' 'o bevo?"
Dimane nun esiste.
E 'o juorno primma,
siccome se n'è gghiuto,
manco esiste.
Esiste sulamente
stu mumento
'e chistu rito 'e vino int' 'a butteglia.
E che ffaccio,
m' 'o pperdo?
Che ne parlammo a ffà!
Si m' 'o perdesse
manc' 'a butteglia me perdunarrìa.
E allora bevo...
E chistu surz' 'e vino
vence 'a partita cu l'eternità!

4 commenti:

  1. Semplicemente meravigliosa.
    Da tenere bene in mente in certi momenti quando ci lasciamo prendere dall'ansia del futuro e ci soffochiamo con gli errori o le nostalgie del passato...

    (incredibile, mentre la leggevo era come se sentissi la sua di voce).

    RispondiElimina
  2. Eduardo per me è una guida spirituale...

    RispondiElimina
  3. Anche io ho letto De Filippo e ne sono rimasta folgorata per come conosce bene la parte più umana del lato umano, compreso le sue bestialità.
    Bellissima la poesia,anche io sto bevendo alla bottiglia fregandomene di ieri e di oggi e di domani.
    Ben trovato prof.

    RispondiElimina