giovedì 26 luglio 2012

I miei sogni d'anarchia


Sono in partenza per Milano.
Tanta paura, tanta ansia e tanta sfiducia.
Un amico che non ho mai conosciuto mi aspetta.
Una prova ardua quasi impossibile, gestita male da chi dovrebbe essere invece l'emblema della professionalità e della competenza. Vogliono mortificarmi, ma io glielo metterò nel culo. Come SEMPRE.
Nei momenti difficili ascolto musica, mi sommergo di musica. Stavolta tocca a Rino Gaetano e ai suoi-miei sogni d'anarchia.
Quanti giorni settimane e mesi abbiamo passato sulle panchine dei giardinetti a parlare, sognare, arrabbiraci? Fumo, libri, canzoni, politica...
Vi ho vuluto bene davvero e quei momenti saranno sempre i più veri e sinceri della mia vita. Che malinconia. Tutto quello che è venuto dopo è stato solo un salvarsi il culo mascherato da vita. Predicare bene e razzolare male.
Ti ho amato, maledetta stupida che non sei altro, ma il destino non ha voluto.

E lei viveva nei suoi sogni e la sua voglia di imparare
In fretta il metodo inglese e cucinare e fare l'amore.
Lei impazziva per le ricerche di cosmesi rimmel e maquillage
Le letture Pavese, Ginsberg, De Gregori e fiumi di là
Legato alle tradizioni.
Ma io l'amavo e lei amava me
Nei suoi sogni ritrovavo anche un po' di me.
E lei scopriva ogni giorno il valore del denaro e le conseguenze
Toccava il cielo con un dito e sanava le ferite con la rivoluzione
Ancora i poeti e un nuovo sound delle balere e forse amanti
e il '68 raccontato e le conquiste, le canzoni che dicevano
Io l'amavo e lei amava me
Nei suoi sogni ritrovavo anche un po' di me.
Le bugie, le poesie, i racconti e la paura
L'inflazione, le battaglie l'egoismo della razza,
la stagione dei colori un bicchiere e le memorie
vecchi libri e dischi rock, un sudario e mille storie
le panchine dei viali e le strane fantasie
le bugie, le poesie e le strane cose che
stritolavano il passato il feudalesimo e l'anarchia,
i sogni, l'anarchia i mie sogni d'anarchia...
Io l'amavo e lei amava me

2 commenti:

  1. Spero che comunque Milano ti porti buone nuove.
    Non ti abbattere , non dare soddisfazione alla Vita di non vivere come vuole lei.
    Un abbraccio solidale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Luce, chissà..magari è andata bene...bò? ;-)

      Elimina